home
oggetti
materiali
eventi
soggetti
contatti
home
oggetti
materiali
eventi
soggetti
contatti
icona
progetto C/o


icona
Benvenuto Umano


icona
Sylphidarium


icona
10 miniballetti


icona
Variazioni eccetera


icona
Sherlock Holmes


icona
Amleto


icona
<age>


icona
*plek-


icona
XD


icona
: : D


icona
EYE WAS EAR


icona


icona liberati del
tuo alluce




( t ) E.S.T.E.

esperienze spaziali temporalmente estranee


concept e regia:
Francesca Pennini

azione e creazione:
Andrea Amaducci
Francesco Bettoni
Liliana Letterese
Andrea Lugli
Elisa Mucchi
Francesca Pennini
Andrea Raffo

orchestra:
Complesso Rinascimentale del Conservatorio di Ferrara

direttore:
Gianni Lazzari

voce:
Miho Kamya

arpa:
Marianne Gubri

flauti dritti:
Carlo Braga
Stefano Fanton
Antonio Lorenzoni
Stefano Squarzina
Luca Scarpa

viole da gamba:
Angela Albanese
Gianni Lazzari
Silvia Guberti

viella:
Simone Baroni

bombarda:
Vanja Gentile

dulciana:
Manuel Cester

percussioni:
Giovanni Tufano

piece per spazi teatrali
anno
2007

durata 45'


Fino a che punto può arrivare il possesso di un corpo?
Quanto si può assottigliare l’involucro pudico che lo riveste?
E’ possibile annullare le pulsioni umane attraverso le loro sedi nella mappa corporea?
( t ) E.S.T.E. è una collezione di domande che conservano il loro interrogativo.
( t ) E.S.T.E. è una storia senza narrazione; una successione di strutture di pensiero estrapolate da “fatti” reali.
Quasi reali.
L’evento storico è una struttura compiuta poiché organizzata secondo i principi generali che governano gli accadimenti e costituisce una griglia assiomatica dalla quale entrare ed uscire generando pieghe e deformazioni.
Questo reticolo compositivo è la vicenda degli amanti Ugo e Parisina, figlio e moglie di Niccolò III d’Este, marchese della Ferrara Quattrocentesca, entrambi decapitati a causa del peccato passionale commesso.
La performance costituisce una sorta di organismo temporalmente modificato che si interfaccia cronologicamente sia al XV che al XXI secolo.
In questa schizofrenia storica i performer diventano creature ibride e terze ad entrambe le epoche, con ruolo alcuno se non quello condensato nell’essere corpo.
Quello che resta sono corpi acefali e irrimediabilmente materici che si spostano in un atlante motorio in cui la successione degli eventi è completamente dissolta ed in cui i temi rimangono cristallizzati nel processo di origine del gesto.